logo ricehouse
Schema economia circolare.jpg

Economia Circolare

Dalla natura all’architettura, senza produrre rifiuti, ponendo l’uomo al centro di un processo industriale il più possibile sostenibile. 

E’ necessario fare lo sforzo di iniziare a ragionare in termini di economia circolare. Le materie prime devono essere prelevate dall'ambiente, trasformate, utilizzate, smaltite e re-immesse nell'ambiente stesso da cui sono state prelevate. In alcuni casi la loro gestione diventa addirittura un’attività economica in grado di sostenere la propria filiera industriale e di alimentare le esigenze di un mercato innovativo ed emergente.
Occorre quindi passare progressivamente a nuovi modelli che garantiscano un futuro sostenibile, basato su materiali nuovi a zero impatto ambientale, sfruttando quello che la natura e i sottoprodotti delle lavorazioni primarie mettono a disposizione, come ad esempio la lolla e la paglia di riso, e sulle tecnologie per la produzione di energia rinnovabile, come quella derivante dal biogas, in un’ottica di progressivo sfruttamento che da un lato favorisca il reinserimento nel ciclo naturale, e dall'altro concorra a ridurre il carico di rifiuti e le passività associate alla loro gestione.